martedì 21 giugno 2011

Dall'inverno all'estate. Una lattina di birra per capire che succede in cielo ...

Non preoccupatevi, non sto consigliando di bere una birra anche agli astemi per vedere facilmente le stelle....


Oggi inizia l'estate, verso le 19 di stasera per essere proprio precisi. In effetti l'inizio dell'estate coincide con il giorno in cui il Sole percorre in cielo la traiettoria più ampia e con il mezzogiorno più alto.

Forse stupirà parlare di mezzogiorno "alto" , ma si definisce proprio così il punto in cui, ogni giorno, il sole "culmina", ossia raggiunge la sua massima altezza. Ogni luogo ha quindi il proprio mezzogiorno astronomico, dato che la Terra gira attorno al suo asse. 

L'astronomia è strana e quindi, a differenza di quello che si potrebbe pensare, da domani, anche se di poco, il Sole inizia una traiettoria più corta e il mezzogiorno sarà più "basso" , inizia insomma la corsa all'autunno!!!

Questa (brutta) immagine ci da perfettamente conto di cosa succede dal 20 dicembre al 19 giugno in cielo. E' stata fatta, con tanta pazienza in Svezia, a nord, nel corso degli ultimi sei mesi. Ovviamente se la facessimo a Milano o Roma sarebbe diversa come altezza ed ampiezza delle single curve, ma non come forma complessiva. 

Il percorso del Sole cambia ogni giorno e passa da un minimo del 20 dicembre ad un massimo di oggi, come vedete dalle tracce azzurre che danno appunto il percorso del Sole in un giorno al passare dei mesi da dicembre a oggi.

Per festeggiare l'estate il Sole ha buttato fuori stamattina alle 4 ora di Greenwich un flare notevole, le cui conseguenze si avvertiranno probabilmente nelle comunicazioni fra un paio di giorni.



Da ultimo, l'immagine con cui inizia questo post è un "grafo solare" e non è ottenuto con una sofisticata camera fotografica astronomica, ma con una camera ottica, come quelle che divertivano i nostri trisavoli, realizzata con una lattina di bibita. Chi volesse rifarla, è facile, per sé o assieme a qualche ragazzo/a trova le semplici istruzioni qui

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento