giovedì 27 settembre 2012

Luna crescente e unica....


La foto non è bella, d'accordo, ma è veramente unica. E' la luna crescente... ma siamo su Marte, la foto l'ha scattata Curiosity, la sonda NASA che ci lavora da 7 settimane, e la "Luna" è Phobos, una delle due di quel pianeta.  

mercoledì 26 settembre 2012

Interessa un giro sul Gabbiano ?

ESO, l'Osservatorio Europeo del Sud, per i suoi 50 anni sta mettendo in pista immagini e filmati veramente d'eccezione , per il pubblico.

Ecco qui una nuova immagine della Nebula del Gabbiano, un oggetto celeste di rara bellezza 


Questa è la parte centrale della Nebula e risplende per via di una stella al centro, molto giovane ed energetica, che riversa quantità notevoli di radiazione nel gas della nebulosa stessa. 

La nebulosa "completa" la vediamo qui sotto, fotografata sempre con il telescopio 2.2 metri di ESO in Cile,  il più adatto per queste riprese.


E a questo punto non ci resta che "tuffarci" nel Gabbiano!

video

lunedì 24 settembre 2012

Come vi immaginate l'Inferno ?

Dopo la frescura dei cieli di Irlanda, con cui abbiamo chiuso la settimana scorsa, un video "caldissimo" che ha veramente dell'incredibile.  Con il cielo c'entra poco, ma ogni tanto una divagazione fa bene e questo Geoff Mackley la merita tutta.

Si è messo una tuta speciale, si è calato a 30 metri (trenta !!) dalla lava di un vulcano in eruzione  e se ne è stato lì 60 minuti, senza arrostire grazie all'equipaggiamento che lo proteggeva dai 1150 gradi dell'ambiente. 
Incredibile no ? Sembra l'inferno di Dante.

Ecco un istantanea (l'uomo è in basso a destra sul crinale) :


ed ecco il filmato, il vulcano,  conosciuto anche come lago di lava Ambryn alla Vanuatu.


venerdì 21 settembre 2012

I cieli d'Irlanda

No , non è la famosa, e bella,  canzone di Fiorella Mannoia, ma un bellissimo video, con un finale molto poetico e astronomico.

Buona visione


giovedì 20 settembre 2012

Un bel dì vedremo levarsi un fil di Sole

Si lo so, non sobbalzate sulla sedia, era un film di fumo nella bellissima Butterfly di Giacomo Puccini. Ma nei giorni scorsi c'è stata grande attività di filamenti , più estesi della norma, sul Sole. E dopo la Luna parliamo un po' della nostra stella.


Val la pena di ricordare le dimensioni, nel filmato qui sotto la nostra Terra sarebbe grosso modo grande  quanto la sfera della punta di una biro.  (consiglio di mettere a tutto schermo il filmato) 

                                        

mercoledì 19 settembre 2012

Uffa! Sempre la stessa faccia. O no ?

Della Luna vediamo sempre la stessa faccia, lo sappiamo fin dalle elementari. Ma è proprio così?



In effetti no, a causa di un fenomeno chiamato librazione, e dovuto all'azione della Terra e del Sole,  la Luna "oscilla" leggermente mostrandoci alternativamente, a destra e sinistra, un piccolo pezzo in più della sua "faccia", diciamo il 10% grosso modo, e nel bel filmato qui sotto lo vediamo.  Anche la musica è piacevole.

                   

domenica 16 settembre 2012

Un'eclissi mai vista

Ecco qua, non è visibile dalla Terra, guardiamo per prima cosa il filmato

                 

Si tratta di una eclissi di Sole vista dal suolo marziano e dovuta al passaggio di Phobos, uno dei due satelliti di Marte, fra il pianeta e il Sole stesso. La riprende nel 2010 il rover NASA Opportunity, dandoci la possibilità di sentirci "Marziani" per qualche secondo. 

Qui sotto Phobos, la paura in greco, che assieme a Deimos, il terrore, fa da satellite a Marte, il dio della guerra. Nomi azzeccati per due asteoriidi catturati al volo (probabilmente)) e che hanno cambiato lavoro , assunti come satelliti ;DD



mercoledì 12 settembre 2012

Da Cassini a Dan Petersen


Si fa presto a dire "essere al posto giusto al momento giusto". Provaci tu, verrebbe da dire. Certo la fortuna aiuta ma Dan Petersen, che ha osservato un probabile impatto di un asteroide o nucleo di cometa su Giove, di ore al telescopio se ne deve essere passate tante. Sono soddisfazioni alla fine, per chi ci ha il bernoccolo. Il piccolo lampo che vedete nella foto sopra, e nel filmato sotto, va rapportato alle dimensioni del pianeta, che ha un diametro di circa 143.000 chilometri. A occhio e croce è grande almeno due volte l'Italia.  

Quanto accaduto non è rarissimo, successe anche qualche anno fa con una famosa cometa prima sbriciolata e poi schiantatasi su Giove, ma resta un ottimo e bel colpo , l'ennesimo, di un bravo appassionato del cielo.  Ad Astroperinaldo ci raccontano come qualcosa di simile fu visto da un grande astronomo italiano del passato, Cassini   (leggi qui ) 


                       

lunedì 10 settembre 2012

Basta un poco di zucchero ... o no ?



Alma, il grande telescopio per l'infrarosso lontano e il millimetrico posto sulle Ande a 5.000 metri, ha recentemente permesso di trovare delle molecole "dolci", di glicolaldeide, in una nube stellare in contrazione, esattamente nei pressi di una stella e non, come era capitato altre due volte, nella nebulosa.   

La stella, di tipo solare e non molto distante da noi,  è in formazione e le molecole "zuccherine" stanno cadendo proprio verso il centro, grosso modo sono all'altezza del nostro Urano, giusto per dare un'idea. 

Se volete sapere i dettagli potete leggere questo articolo   (perdonate un typo su glicolaldeide dovuto all'editor )

Certamente è una scoperta importante e suggestiva, è una molecola complessa, anche se non troppo, e sembra essere nel posto giusto nel momento giusto. Corretto, ma meglio non farsi suggestionare più che tanto, ci vogliono notoriamente ben altre condizioni per poter parlare di vita nell'Universo

Questo tema viene assegnato, forse per ragioni storiche, agli astronomi, o forse perchè questi ultimi sono affetti un po' da delirio di onnipotenza.     

 
Personalmente penso che il compito degli astronomi sia molto limitato, e consista sostanzialmente nel fornire dati importanti per stabilire il problema: quante sono le stelle in quella tale galassia, quante le galassie, quanti e come possono essere fatti  i sistemi planetari e così via. 

In particolare la scoperta, tutto sommato recente partiamo dal 1995, dei sistemi  planetari  "exo" ha dato una bella botta a qualche decennio di teorie e prove sperimentali "certe" legate al nostro di Sistema solare. 

  
Alla faccia di quanto stabilito perfino dalla suggestiva, centenaria e oggi sbagliatissima, legge di Titius Bode, troviamo decine e decine di sistemi di pianeti in tutte le salse, con dei "Giove" - like attaccati alla stella madre come Mercurio, posizione "proibitissima" dalle teorie ante 1995. Quindi che i pianeti si formino dalla nube primitiva da cui si forma la stella,  quasi certamente perchè i "sassi" iniziali, planetesimi, si fondono uno con l'altro sembra proprio certo  però....  




... però ne saltano fuori di tutti i colori di questi sistemi.  Insomma bisogna rimettere in gioco le sicurezze che avevamo, anche le più radicate, ad iniziare dalla più cara agli uffici stampa di Agenzie e Enti di ricerca:  l'acqua nell'universo,  "sicuro" indizio di ("possibilità di", ma questa parola viene sempre omessa....) vita

Un equivoco tenuto in vita apposta perchè ovviamente l'acqua nel pubblico evoca vita e sopravvivenza, che sono due cose diverse.  Ma di quanta acqua ci sia nell'Universo abbiamo già parlato. In breve, ce ne è dappertutto  (clicca per accedere al post) 

Inutile poi, già descritti a iosa, parlare dei vari progetti SETI, del tentativo di osservare righe della clorofilla in stelle vicine e così via. Tutta roba ottima, che con i mezzi attuali però rischia di essere velleitaria. L'area che spazzoliamo con le osservazioni è risibile, anche se onesta.  Basta guardare qui sotto la zona di indagine di Kepler, NASA, il satellite che di gran lungo ci ha dato le migliori soddisfazioni. Piccolissima rispetto alla Galassia, e pensiamo che di galassie ce ne è almeno almeno 10.000 miliardi nell'Universo.



A me personalmente pare che il punto chiave sia chiarirci le idee su cosa consideriamo come vita, dato che continuiamo a scoprire cose stupefacenti, come il microbo S. Islandicus che è riuscito a dividersi in due specie in un soffione caldissimo nella regione vulcanica della Kamchatka, in Russia. (Clicca per l'articolo



Ma qui mi fermo ovviamente, per non darmi la zappa sui piedi. Se volete discuterne ben volentieri!


mercoledì 5 settembre 2012

Causa ed effetto

Causa, eruzione di n filamento solare il 31 agosto, ripresa di SDO , il satellite NASA di "sorveglianza" per il Sole:

 


Ed effetto: Aurora sullo Yukon, notte del 3 settembre.


domenica 2 settembre 2012

Venere, la Luna e la pesca....

Ho avuto un bellissimo mail da una persona che conosco da tanti anni, diceva grosso modo così "Andando a pesca con mio figlio stamattina all'alba mi sono reso conto di quanto grande è Venere",  e luminosa ovviamente. 

Certo è bello fare queste scoperte, altra cosa è credere a uno che scrive un blog e altro è constatarle di persona. 

Io avanti'ieri invece ho visto una Luna bellissima, dal Lido di Venezia dove ho passato il fine settimana da amici a vedere qualche (orrido) film della Mostra. In mezzo alla bufera che imperversava le nubi nere nella notte si sono spaccate all'improvviso, mentre si andava al Palafenice, ed è apparsa Lei , la regina della Notte, come in un quadro tedesco Sturm und Drang.   CI siamo fermati, con amici e amiche, ad ammirarla, era veramente troppo bella anche per un professionista ;DD

Vi faccio ora vedere una cosa bellissima che mette insieme Venere e la Luna, che la occulta. 


          

Buonanotte a tutti/e e buonanotte anche all'Italia  (immagine della ISS del 18 agosto)