giovedì 28 giugno 2012

Virtual Astroparty, un post per gli amici astrofili

  

Che io sappia questo è il primo, ben riuscito, astroparty via Google + . L'idea è buona  e posso aggiungere che il Videoritrovo di G+ funziona molto bene e anche nel mio campo sta sostituendo, in alcuni gruppi di lavoro, Skype, anche per la facilità assoluta di condividere i documenti mentre si discute. 


Risarcirò i "non astrofili" domani ;DD

mercoledì 27 giugno 2012

Costruisci il tuo satellite astronomico in 2 minuti. E' gratis


NASA lancia un semplice gioco su Rete: Costruisciti un satellite vero e proprio. E poi fallo volare. La cosa è divertente perchè si tratta di capire cosa si vuol osservare con questo satellite, per esempio l'universo, buchi neri o  stelle, con che strumenti , in che lunghezza d'onda: ottico, infrarosso, ultravioletto e così via. 


Dopo il "lancio", il giocatore vede ciò che il satellite potrebbe osservare con le caratteristiche imposte . Lungo il percorso del gioco  si fa conoscenza con  i diversi strumenti, reali, di  missioni spaziali diverse e si capisce cosa potrebbero  scoprire.

I giocatori possono creare una vasta gamma di satelliti dai piccoli telescopi a raggi X, come NASA Rossi X-ray Timing Explorer, lanciato nel 1995, ai telescopi in orbita di grandi dimensioni come la NASA / ESA Hubble Space Telescope.

Molto semplice graficamente ci permette però di riflettere su quanto e come sono utili i satelliti per la scienza. Un'opportunità che fino a 50 anni fa non avevamo. 

lunedì 25 giugno 2012

Caldo vero ? Godiamoci un po' di fresco ... Artico

Il Sole è in queste ore curiosamente "piatto", dopo aver passato settimane con macchie solari di tutti i tipi. Guardate qui :


Eppure il caldo afoso che ci stringe in questi giorni un una morsa, non più piacevole come nei primi momenti, ci fa soffrire. Come sempre al lunedì un bel video, questa settimana decisamente "rinfrescante".


      

sabato 23 giugno 2012

Una fortuna sfacciata....

All'Isola d'Elba c'e' una chiesetta su un promontorio. Molto bella o meglio caratteristica. Le guide , e la leggenda, vogliono che stando seduti li' al tramonto si possa frequentemente vedere il "raggio verde", un particolare bagliore che gli ultimissimi raggi di Sole fanno apparire interagendo, in condizioni particolari, con l'atnmofera. Nessun miracolo, solo un piccolo, fugace e bellissimo spettacolo naturale. 

Io, vari anni fa,  mi ci sono seduto su quel promontorio per 15 sere di fila, visti un sacco di bei tramonti per carità, niente raggio verde. Per questo ho una bella invidia per questo svedese che, al solstizio d'estate, è riuscito a scattare questa serie di bellissime immagini che ci spiegano tutto di questo bel fenomeno.  Buona visione.



venerdì 22 giugno 2012

Che Sole ragazzi !!

Certo non si può dire che in questi ultimi giorni ci sia stato risparmiato il Sole. Siamo al solstizio, le giornate , intese come parte illuminata del giorno, sono le più lunghe possibili e l'aria è bella rovente. Non si sta, o starebbe ..., bene se non in acqua al mare o , se proprio non si può, in piscina. 


E allora un breve post per far vedere delle facce un po' particolari della nostra rovente stella. Per apprezzarle però dovete ingrandirle cliccando.Sono prese tutte da Alan Friedman, un appassionato fotografo di cielo americano, con una tecnica particolare di "inversione" dell'immagine che permette di mettere in particolare evidenza la tessitura della superficie della nostra stella. Ovviamente i colori diversi sono dovuti ai diversi filtri usati.  Gustatevela una a una se volete un consiglio, sono ricchissime di particolari. 


















giovedì 21 giugno 2012

"Macchie" solari in movimento

C'e' macchia e macchia  sul Sole. In questo filmato, del 18 e 19 scorsi, vediamo questo bel terzetto che oggi è praticamente scomparso dalla nostra vista per la rotazione solare. Si tratta di macchie molto grandi , come ordine di grandezza siamo sulle dimensioni di un pianeta. Daltronde è un periodo vicino al massimo solare, 2013.  

video


Quest'altra immagine, molto divertente, ci mostra le stesse macchie ed una minuscola: è la stazione spaziale Cinese Tiangong - 1 che, con i suoi 3 astronauti a bordo, si è messa fra obiettivo e il Sole.

martedì 19 giugno 2012

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Marte e Topolino ? Da Mercurio ..

E' un tipico esempio di pareidolia, un fenomeno psicologico per cui la nostra mente ritrova in forme della natura qualcosa che assomiglia a immagini che conosce- .

Ovviamente 200 anni fa nessuno avrebbe riconosciuto in questa immagine della superficie di Mercurio spedita dalla sonda Nasa Messenger il famoso personaggio inventato da Walt Disney. Guardate. 



La "faccia" di Mickey Mouse è definita da un cratere di 105 km di diametro, cui si sono curiosamente accostati altri crateri da impatto a formare le "orecchie" .

lunedì 18 giugno 2012

giovedì 14 giugno 2012

Abbracciamoci nel Tango....

Una nuova stupenda immagine di NGC 3114 appena rilasciata al pubblico da Hubble Space Telescope Institute. Consiglio di cliccare per ingrandirla e vederne i particolari e tenete conto che se volete esiste una versione per farne un poster fotografico.


Sembrano due componenti, due galassie nel bel mezzo di uno scontro, un ballo celeste molto energetico. Potrebbe essere un tango. Gli scontri fra galassie, che poi scontro non sono ma fusioni, sono frequenti, sempre su tepi "astronomici", ma questo non è il caso. 

La situazione è molto più curiosa: si tratta di un perfetto allineamento, un problema di prospettiva insomma, le due galassie sono ben distanti una dall'altra. E' vero che le due sono , diciamo, deformate come se fossero sotto l'azione della forza reciproca di gravità, ma se si fanno i conti e si misurano le velocità si vede che che la deformazione non dipende da eventuali interazioni fra le componenti.  Qui sotto un bel "giro" su NGC 3114.

video

mercoledì 13 giugno 2012

C''è acqua su Marte o solo crateri ?

Hanno contato i crateri di Marte, maggiori di 1 kilometro di diametro. Nell'immagine sono puntini rossi. Ne hanno contati , tenetevi forte, 635.000!!  Si sono anche lamentati che il lavoro è stato piuttosto noioso. Ci credo io !!


Sono i ricercatori di geologia dell'Università del Colorado -  Boulder che hanno costruito con pazienza questo incredibile database, ora uno strumento utilissimo per lo studio del Pianeta Rosso. 

Sono dovuti a vulcani? a impatti con asteroidi ? A entrambe le cause certamente e i dati di questo archivio è ora tutto da studiare, per capire anche se erano possibili, in passato, condizioni favorevoli alla vita, di un qualche genere.  

Anche la Terra deve aver avuto nell'epoca del bombardamento di asteoridi, circa 4 miliardi di anni fa, un numero enorme di crateri, anche grandissimi. Ma la successiva opera della vegetazione apparsa sul nostro pianeta, e la forte azione dell'atmosfera, ne hanno cancellato le tracce . Un bel video qui sotto sull'evoluzione della superficie di Marte.

                

martedì 12 giugno 2012

Il Sole sprizza energia.... più del previsto

7 marzo 2012 il telescopio spaziale FERMI, specializzato per osservare raggi X e Gamma, registra la più alta emissione di luce ad alta energia mai associata a un'eruzione sul Sole. Con questo Fermi diventa, sui generis, un osservatorio solare.  il fenomeno registrato è molto importante.

Andiamo per gradi  questo filmato sotto ci fa vedere come il "normale" osservatorio solare SDO di NASA ha registrato il flare  X5.4 nelle frequenze  di estrema luce ultravioletta. Le immagini mostrano il Sole alla lunghezza d'onda di 171 Angstrom, che corrisponde a una temperatura di 1 milione di gradi F (600.000 C). Le immagini a 131 Angstrom mostrano il Sole  a temperature  18 volte superiori. L'esplosione genera onde che attraversano il Sole a 2 milioni di chilometri all'ora! 

                              video
Vista da Fermi, nei raggi gamma, l'esplosione, invisibile a SDO, è mostruosa. Per un attimo il Sole diventa la maggior fonte di raggi gamma dell'intero universo visibile. guardate qui sotto la mappa di quanto "vede" fermi in quegli istanti. Impressionante la luminosità gamma della nostra stella. 


I brillamenti solari producono raggi gamma mediante vari procedimenti. Qui sotto vediamo molto ben schematizzato uno dei procedimenti principali per la produzione.  

L'energia liberata in un flare solare accelera fortemente  le particelle cariche. Quando un protone ad alta energia urta l'atmosfera o la superficie solare si può produrre un'altra particella, un pione, molto instabile. Tanto che si spezza dando luogo a raggi Gamma.  Molto energetici ma che, per fortuna, a noi al suolo terrestre non arrivano:..


video

lunedì 11 giugno 2012

Ma che fa, piovono stelle ?

Se lasciamo la macchina fotografica con il diaframma aperto e l'obiettivo rivolto verso il cielo la notte sappiamo che viene fuori qualcosa del genere:


Il cielo, sappiamo, sembra a noi ruotare attorno alla stella polare. Non è facile fare una foto così, ma è anche meno difficile di quel che sembra. Provate a fare qualche tentativo. 


D'accordo, ma allora che cosa mai succede in questa immagine , sempre di stelle e sempre di notte: sembrano proprio "piovere" dal cielo.




E' una immagine scattata dalla "veranda" della Stazione spaziale internazionale, una realizzazione molto ardita, unica, frutto dell'ingegno e lavoro italiano. Tenete conto che non è proprio facilissimo realizzare un bowindow che resista a quelle temperature, alle piccole meteoriti e altro. 


A seconda quindi dell posizione e del tipo di ripresa possono venire fuori immagini come quella sopra. Ce lo dimostra bene proprio questo filmato, focalizzato su "come si vedono le stelle dalla ISS. Peraltro si vede benissimo anche il disastro di energia sprecato in illuminazione, qualche aurora boreale e molti lampi di temporali. Buona visione e buona settimana. 


venerdì 8 giugno 2012

Tutti i colori di Vesta


E' Vesta, il maggiore fra gli asteroidi, quasi un piccolo pianeta, solido, rotondo e con un diametro di 500 chilometri. L'animazione  è composta da immagini scattate con la camera per immagini di  Dawn il satellite Nasa che lo ha studiato da un orbita ravvicinata per molti giorni. Molte delle immagini sono state prese a diversi angoli di visuale per fornire una visione "stereo" perla topografia. Altre immagini sono state scattate attraverso speciali filtri infrarossi e nel visibile che sono state combinate per rappresentare in diversi colori  la natura dei minerali presenti sulla superficie di Vesta:  il verde indica  ferro. 

L'animazione inizia con vista polo nord di Vesta e si sposta gradualmente verso sud. La regione polare settentrionale è mostrata in grigio perché il sole non ha ancora illuminato questa parte della superficie di Vesta durante le riprese di Dawn.

giovedì 7 giugno 2012

Non ce la faccio, ve la devo mostrare.


E' l'immagine più bella di Venere che entra nel disco del Sole. Ne ho visto tante e tante, ma questa è realmente impressionante. (cliccate per ingrandire)

E' stata presa da Hinode, un satellite per il Sole di  NASA / JAXA (Agenzia Spaziale Giapponese)  il 6 giugno. Il dettaglio è mozzafiato. L'anello attorno a Venere è dovuto alla dispersione e rifrazione - la luce del Sole passa attraverso la parte superiore dell'atmosfera venusiana e si piega verso di noi. È anche possibile vedere alcune texture sulla superficie del Sole (in realtà pacchetti di gas caldo che sale mentre scende il gas freddo) e alcune protuberanze molto belle fuori bordo del Sole.

Prometto che è l'ultima ;DD  domani un filmato eccezionale

mercoledì 6 giugno 2012

Ti sei perso Venere ? ahi ahi ahi !

Ma per fortuna c'e' il sito www.lanottedivenere.it   che non ti lascia solo neanche il giorno dopo.

Abbiamo appena montato sulla pagina iniziale il più bel video dell'evento in circolazione. 

Se poi vuoi vedere come è andata la nottata vai su twitter e cerca #nottedivenere.

e con questo abbiamo finito e andiamo a riposarci, a domani !!

lunedì 4 giugno 2012

Venere, chi sei ?

Qualche dato su Venere, il vero pianeta gemello della Terra. Marte lo pensiamo simile a noi, per via della letteratura e dei film che si sono susseguiti a partire dagli anno '30 del secolo scorso,  ma è assai più piccolo e freddo della nostra Terra.

Venere invece ha lo stesso diametro, grosso modo sono qualche centinaio di chilometri in meno,  e quindi una massa molto simile. Ma, c'e' un "ma" molto grosso: il pianeta è perennemente circondato da nubi impenetrabili all'occhio o a una telecamera. Le prime immagini di Venere, del suo suolo, ci arrivarono dalla sonda Venera 13 e poi la 14, 1981-82, dell'Unione Sovietica. Questa qui sotto è storica. 


Ne parliamo brevemente con Gabriele Cremonese, un astronomo "planetologo", la cui ricerca è focalizzata nello studio dei pianeti tramite sonde spaziali. 

video

Per la consuetudine del lunedì, Venere arriva più tardi oggi

Sto mettendo molti post sul passaggio di Venere sul Sole, cui mancano oramai solo poche ore. Pare piacciano a voi che mi seguite, ma le consuetudini vanno rispettate.

E una delle azioni che compio fra le prime ogni lunedì è mettere in rete un video che mi è piaciuto molto.

Quindi il post su Venere arriverà più tardi, ora metto questo bellissimo video, è di Tom Lowe, uno dei fotografi più bravi del mondo per quanto riguarda il cielo. 

E' il trailer di un film, molto bello, che si può anche acquistare in rete se volete (timescapes è il titolo). Buona visione e... sognate per qualche minuto come ho fatto io.

                          

domenica 3 giugno 2012

Ma come, davanti al Sole c'e' un pollo e non Venere !! ?? **

Insomma, siamo qui da giorni a parlare del passaggio di Venere sul Sole   e invece, mannaggia, guardate qui sotto , non crederete ai vostri occhi :

Come vedete sembra proprio un volatile da cortile ... In realtà è quello che viene chiamato dai tecnici un "buco coronale" , senz'altro dalla forma per noi curiosa. Un buco coronale appare scuro ma è sempre gas caldissimo, semplicemente in quella parte dell'atmosfera (cromosfera) solare la temperatura si è abbassata. 

Il "pollo" solare è poi particolarmente simile a un personaggio (per i più piccoli) della televisione USA , come si vede da questo montaggio di NASA (cui appartiene anche il satellite SDO che ha preso l'immagine il 1 giugno).



E'un fenomeno noto, si chiama pareidolia ed è dovuto all'ostinazione, positiva., del nostro cervello a riconoscere forme familiari lì dove proprio non ci sono e soprattutto non servono a nulla.

Un altro caso molto noto è quello di questa foto del suolo di Marte. Alzi la mano chi non ci vede un elefante....


sabato 2 giugno 2012

Ma.. Venere, tanto per dire, dove è ora ?

E' molto, molto vicino al Sole,  sempre apparentemente  ovvio.  Lo vediamo in queste immagini, montate come un breve filmato, e scattate dal satellite Nasa SDO   che hanno una bella sorpresa: c'è anche Mercurio, e , apparentemente , i due pianeti stanno avvicinandosi. 

                              


Venere sta avvicinandosi nella Sua orbita al disco del Sole, preparandosi al Passaggio del 6 giugno prossimo   


Ecco poi i due pianeti fotografati da Terra separatamente la notte scorsa mentre distavano poco più di un grado. Guardate quanto bello è Venere che è al primissimo quarto di fase   (eh si Venere ha le fasi come la Luna) 












venerdì 1 giugno 2012

Un buco nero e Venere ? Che c'entra?

Una delle belle realtà nate negli ultimissimi anni in ambiente accademico, grazia alla Rete, è rappresentata dalla Radio Universitarie. Sono spesso tenute in piedi con grande passione da studenti/esse che fanno programmi niente male. A Padova c'e' 'radiobue'.   Tutto quello che si riferisce all'Università di Padova finisce in Bue, perché il "Bo'" era il simbolo dell'antica e prima sede dell'Università, molti secoli fa.  

La trasmissione di scienza e tecnologia di questa radio si chiama "buco Nero" e qui abbiamo parlato rapidamente del passaggio di Venere del prossimo 6 giugno, della diretta web e del sito www.lanottedivenere.it