giovedì 31 maggio 2012

mercoledì 30 maggio 2012

E partirono per l'India per vedere Venere.

Questa volta, il prossimo 6 giugno, potremo comodamente vedere  il passaggio di Venere sul Sole dal nostro terminale per tutta la notte se ne avremo voglia, ma 100 e passa anni fa , senza Internet, che fatiche !!  Un po' di storia dei transiti. Affascinante. 

              

lunedì 28 maggio 2012

Passaggi sul Sole, se ne vedono di tutto i colori

Ma come, non doveva essere Venere a Passare davanti al Sole ? Abbiamo detto che sta fra noi e la nostra Stella e quindi quando siamo allineati vediamo questa specie di mini eclissi .  ( guarda www.lanottedivenere.it    per avere qualche spiegazione in più o vai indietro sul blog negli ultimi post).  

Ma questo qui sotto che c'entra ?   



Segnato dalla freccia, tanto è piccolo, si vede Mercurio che passa davanti al al Sole nel 2003. Ci mette 5 ore, grosso modo, visto dalla Terra. (Clicca la foto per ingrandirla) 

Le immagini del Sole, qui a spicchi, sono di diverso colore, ma è solo una codifica: tutte e quattro le immagini sono prese  dalla fotocamera della sonda spaziale SOHO,  che osserva  il Sole nelle lunghezze d'onda  ultraviolette. I colori corrispondono a diverse lunghezze d'onda.

Questo è stato il primo dei 14 transiti di Mercurio che si verificheranno nel corso del 21° secolo. 

Mercurio che è il pianeta più vicino al Sole, più ancora di Venere, ha un diametro di 4880 chilometri (contro i 12.103 di Venere) e quindi ci appare veramente piccolissimo (molto più distante da noi, molto più piccolo di Venere quindi...)  


Ma vedremo presto che, per quanto insignificanti i transiti sono assai importanti in astronomia 

sabato 26 maggio 2012

In orbita attorno a Vesta

Un nuovo filmato rilasciato da Nasa. E' composto come un viaggio virtuale però a partire dalle immagini vere mandate a terra dalla sonda Dawn nelle scorse settimane. Affascinante, Vesta ha un diametro di circa 500 chilometri. Buon viaggio.


video

venerdì 25 maggio 2012

Il passaggio di Venere. Un'occasione ghiotta per foto buffe

Da sempre il passaggio di Venere desta curiosità e interesse anche scientifico, lo abbiamo detto, lo vediamo in questa stampa d'epoca, in cui si vede uno studioso che con una semplice camera ottica osserva il Passaggio. 


Molte poi le interpretazioni artistiche e/o  base mitologica. Questa qui sotto si riferisce al Passaggio del 1874. Venere si congiunge con il Sole, nel suo carro. 


qui sotto con lo stesso tema un bell'affresco 




Comunque il tempo passa e oggi come oggi il passaggio di Venere è anche occasione per fare qualche fotografia anche un po' strana o buffa.  Eccone una, sembra quasi un montaggio.



e qui invece un solitario e ignaro gabbiano (?) passa assieme a Venere davanti al Sole :)) 


mentre qui abbiamo un aereo 


E infine qui la Stazione Spaziale Internazionale


sul sito www.lanottedivenere.it  buoni consigli per osservare o fotografare, in tutta sicurezza, il passaggio per quell'oretta in cui sarà visibile in Italia, dal sorgere del Sole alle 6:50 circa

giovedì 24 maggio 2012

Un vecchio passaggio di Venere ...in video !

Il passaggio di Venere sul Sole ha sempre destato grande curiosità, previsto e studiato dagli astronomi, per calcolare le distanze nel Sistema solare così come, più recentemente, per studiare l'atmosfera di quel pianeta. Ora abbiamo attorno a Venere, per studiarlo,  un satellite europeo, Venus Express, con un ampia presenza italiana, 

Qui vediamo una pagina del rapporto sul passaggio del giugno 1761 conservata all'Osservatorio di Bologna. 



Vedremo la settimana prossima che ci fu addirittura una spedizione internazionale a fine '800 per vedere il passaggio, cui anche l'Italia partecipò.

Sul passaggio del 1882 invece è stata recentemente fatta un'operazione assai curiosa, segnalata dalla rivista Sky& Telescope.  Dagli scatti fatti da questo  serioso signore qui sotto: 


è stato fatto un filmato molto interessante. Eccolo :

                          video

L'uomo è un astronomo , David Peck Todd, e in quell'anno si recò in California, sul Monte Hamilton, dove esisteva un ottimo telescopio solare.  Fece la bellezza di 147 immagini su lastra per determinare la distanza di Venere e del Sole.   Tutto bene, ma nel frattempo questo metodo andava in disgrazia e quindi le lastre furono ben conservate ma dimenticate.  Sono state tirate fuori recentemente, digitalizzate ed ecco qua, un filmato unico al mondo ! Questo videro 130 anni fa.

mercoledì 23 maggio 2012

La notte di Venere - 6 giugno 2012 - o mai più!!


Ieri abbiamo visto come Venere stia fra noi e il Sole. Lo vediamo alla sera, da cui il nome Vespero risalente ai latini, per un periodo, poi  lo vediamo al primo mattino e diventa Lucifero, colui che porta la luce.

Attenzione NON si tratta di un fenomeno fisico come, che so, lo scoppio di una stella o l'eruzione di un vulcano. E' solo questione di prospettiva e angolo di vista con cui noi vediamo questo pianeta. 

Chiediamoci invece: come fa a cambiare da Vespero a Lucifero ?  Semplice , passa davanti a Sole , come abbiamo visto ieri. Ecco qui come è stato ripreso da un satellite il passaggio del 2004:

video

Come vediamo è una vera e propria mini eclissi, certo non ha le dimensioni di quella di Sole. Ecco qua un video per fare il confronto.

  video

Come abbiamo detto ieri il passaggio è però un evento molto raro, rispetto alla vita umana. Pensiamo che una persona nata nel 1900 e vissuta 100 anni, fino al 2000, un intero secolo, non ha potuto vedere mai il passaggio di Venere.  

Qualcuno d noi forse ha visto quello del 2004, ma perdere quello del prossimo 6 giugno sarebbe un vero delitto , dato che non succederà più fino al 2117.

Da noi sarà poco visibile, un'oretta al mattino, ma per fortuna c'è internet e potremo vedere in rete tutto il fenomeno dalla mezzanotte del 6 fino alle ore 7 circa dello stesso giorno.

Grazie agli astronomi di Padova potremo sapere tutto del passaggio di Venere, seguirlo in tutte le fasi con commenti e interviste di esperti. 

Io cercherò di accompagnarvi in questo tragitto, emozionante anche per me, sinceramente. Un sacco di informazioni sono già on line. 








martedì 22 maggio 2012

Non cercate Venere fino al 6 giugno.

Venere è un pianeta "interno" , sta cioè fra noi e il Sole. Questo significa che dovremmo continuamente vedere Venere che passa davanti al Sole a intervalli regolari. 

Se ho davanti Giovanni  e fra me e lui passa Valeria io per un attimo non vedo Giovanni.

Però Venere non è una persona (bella scoperta ;DD) ma un pianeta e la sua orbita è inclinata, rispetto alla nostra. Quindi sarebbe come se Valeria passasse sopra a Giovanni a volte e a volte sotto.  

Tra noi, Venere e il Sole c'e' questa relazione e quindi ci troviamo perfettamente allineati solo ogni 113.5  anni. 

Allora Lei ( o lui ?) passa davanti al Sole, rispetto a noi , e  produce una mini eclissi. 


Inoltre questa particolare contingenza avviene a coppie, fra loro spaziate di 8 anni. In parole povere è successo nel 2004, succederà il 6 giugno 2012 e poi niente altro fino al 2117.

Ultima possibilità nella vita per vederlo dal vivo, in altre parole.

Domani altre particolari interessanti....  




lunedì 21 maggio 2012

Il più bel video sull'eclissi

Una bella foto , forse la più bella che ho visto, dal Nuovo Messico 


E qui il più bel video preso da satellite 

vbbbbbbbbb            

Ma che, hanno bevuto nella Stazione Spaziale Internazionale?



Vedendo quest'immagine trasmessa nei giorni scorsi dalla Stazione Spaziale Internazionale, ISS, il sospetto viene... 

In realtà questa buffa e affascinante immagine è un errore, come quella sotto. L' ingegnere di volo Don Pettit della spedizione 31 alla ISS voleva tentare una ripresa delle tracce lasciate dalle stelle nel loro moto attorno al Polo. Cosa relativamete facile sulla Terra, basta lasciare aperto il diaframma della macchina fotografica e qualcosa viene fuori, diciamo anche solo in 15 minuti.

Le  fotocamere digitali non sono in grado però di avere il diaframma aperto per più di circa 30 secondi alla volta. Così, invece di una lunga esposizione, i fotografi fanno  una serie di scatti di 30 secondi e poi li combinano assieme via computer. Pettit ha usato questa tecnica per mettere assieme  18 foto scattate da una telecamera fissa sulla ISS.

Ma mal gliene incolse, ma terra Gira assai velocemente e provoca quindi quelle autostrade luminose che vediamo sotto. L'unico punto di riferimento resta un pezzo di ISS

Simpatiche no ? Io personalmente preferisco quella qui sotto.


domenica 20 maggio 2012

Venere, ultima chiamata

Stasera e forse domani sera abbiamo l'ultima occasione di vedere Venere al tramonto. Poi infatti il bellissimo pianeta cambierà da "Vespero" , portatore della notte, a "Lucifero" , portatore della luce. 


Perchè ? Lo vedremo, con una sorpresa non da poco, martedì. Preparateci per uno spettacolo non da poco !!


Attenzione: stasera e domani Venere si vedrà praticamente solo al tramonto. Val la pena di salutarlo !!


sabato 19 maggio 2012

Giove è grande ... relativamente

Giove è il gigante del sistema solare, decine e decine di volte la Terra per dire.  I suoi 4 satelliti più interni, Io, Europa, Ganimede, Callisto , sono stati scoperti da Galileo nelle notti fra il 7 e 10 gennaio a Padova. 


Fu un'osservazione importantissima, dato che convinse GG che come quei satelliti giravano attorno a Giove così la Terra doveva girare attorno al Sole. Iniziò la nuova astronomia ma sopratutto nacque il metodo della Scienza. 




Ecco qui sotto un filmato veramente buffo e rivelatore. Lo ha ripreso un satellite che studia da anni il Sole. Si vede ovviamente la nostra stella, bella grande, e il "gigante" giove piccolissimo.  Vedrete anche i 4 satelliti maggiori, quelli di galileo, andare attorno al loro pianeta. Se aumentate la definizione a 720 punti (pulsante a destra in basso, vedete meglio. Buona domenica e.... approfittate per guardare Venere in queste sere al tramonto e poco dopo, nel prossimo post una sorpresa!


                    

giovedì 17 maggio 2012

Alberta e Aurora, non potevo proprio fare altro

Un post molto breve ma bello e spero gradito.  Alberta è la provincia del Canada occidentale forse più nota e aurora è il fenomeno che tante volte abbiamo visto. Fra un po' parleremo di terribili galassie, buchi neri e altro, ma questo filmato è così bello, anche se ne abbiamo visti parecchi del genere, insomma, non potevo proprio fare altro che metterlo qui per chi vuole passare 4 minuti con la bellezza. 
                                                     

martedì 15 maggio 2012

Due foto uniche del Sole

La prima è questa. guadatela bene prima di andare avanti altrimenti il gioco non regge. Cosa sarà quel puntino nel cerchio ?  Ingrandite per capirci qualcosa. 


A cotè notiamo che si vede assai bene la macchia solare "mostruosa" come l'ha definita l'ANSA, sa solo Iddio perchè, dato che è grande, si ma se ne sono viste di ben peggiori e soprattutto non si è scatenata alcuna tempesta magnetica. 

Torniamo a noi, se non siete riusciti a indovinare, è in effetti roba da veggenti ;DD, vi mostro qui sotto la soluzione:


E' la prima foto della Stazione Spaziale cinese Tiangong, il Palazzo Celeste, che passa davanti al Sole. Notevole no ? 

Ed ecco qui un altra foto particolare scattata nel Nord dell'Arizona ieri. Lì infuriano , come spesso avviene, incendi non banali e il fumo delle sterpaglie e alberi bruciati fa un effetto "filtro" molto particolare, che arrossa il Sole in modo strano e ci permette addirittura di vedere, con una macchina fotografica normale, una macchia solare. 



lunedì 14 maggio 2012

Islanda, il sole a mezzanotte

La settimana prossima sarò in Islanda, per un congresso. Farò pure qualche scappata turistica, tanto è chiaro 24 ore al giorno :DD.  Sono molto euforico, già mi intrigava andarci poi stamattina, nella consueta rassegna stampa, ho trovato questo video, mi è sembrata una bella coincidenza!

Non vedo l'ora di scendere dall'aereo (anche perchè non amo volare ;DD ) 

Lo metto qui, con un augurio di buona settimana a tutti/e 
   
              

venerdì 11 maggio 2012

Gira il mondo gira... ma anche il Sole.

Siamo abituati a parlare del giorno e della notte, del moto del Sole in cielo e della Luna e stelle sempre in relazione al fatto che chi "gira" effettivamente come una trottola è la Terra.
Corretto. Più difficile per noi è pensare che anche il Sole ruota su sé stesso.


Le macchie solari, come questa  veramente enorme mostrata nel filmato sotto, ci danno una possibilità di vedere, in modo molto semplice , quanto e come la nostra stella ruota.

                       

Ricordiamo come Galileo Galilei fu il primo a osservarle  con il cannocchiale, ecco il suo disegno .


martedì 8 maggio 2012

Ma come faranno a fare quei filmati ?

Sono sicuro che parecchi/e di voi se lo sono posto questo problema vedendo i tanti filmati sul cielo che metto in questo blog, ma che abbondano anche in altri.

Ovviamente una certa attrezzatura ci vuole, ma soprattuto pazienza e capacità di farsi un'esperienza anche a costo di qualche iniziale fallimento. Ma il gioco, se c'e' la passione ovviamente, vale la candela.

In questo bel video Daniel Lopez ci fa vedere cosa succede in una notte di riprese.. interessante per capire e affascinante assieme

Le sequenze video sono tratte  da varie notti di osservazioni in Tenerife, nelle isole Canarie della Spagna negli ultimi due mesi. Vediamo le ombre del tramonto avvicinarsi al Teide, il monte dove sono alloggiati un sacco di telescopi di nazioni europee, l'Italia ci ha il Telescopio Nazionale Galileo. Vediamo poi la Via Lattea che "ruota"  con il cielo, i pianeti Venere e Giove la rossa  Luna che sorge,  il telescopio MAGIC per i raggi gamma ,Ma anche rocce insolite, piante autoctone e un ignaro ragno, finito su web senza saperlo ;D            

lunedì 7 maggio 2012

Un giorno o l'altro ci andrò

Uno dei viaggi che, sigh, non sono riuscito a fare, ma spero arrivi presto l'ora, è andare allo Yosemite National Park. Stretto fra California e Nevada offre scenari come questo :


ed è citato come una delle zone in cui è possibile fare le più belle passeggiate montane al mondo.  Insomma mi manca ancora qualche mare e un paio di montagne come questa, oltre all'Alaska.  Guardate qui sotto che roba!!

                  

venerdì 4 maggio 2012

Un bel video, gratis.

Visto che neabbiamo già visti tanti facciamo che questo post non conta.


D'altronde questi video dalla Stazione Spaziale Internazionale, ISS, sono così belli che non si resiste,c'è poco da fare.

Ecco quello appena rilasciato, con immagini e riprese ottenute dalla Spedizione 30, atterrata da pochi giorni in Kazakistan. Buona visione.

                                       

giovedì 3 maggio 2012

Chi va troppo vicino al fuoco si brucia.



Guardiamo quest'immagine: prima i due quadrati in alto: si tratta dello stesso "pezzo" di cielo visto dal satellite Galex, che osserva l'emissione di raggi X da parte di stelle e galassie, in cui avvengono eventi molto energetici se non catastrofici. Per produrre raggi X occorre infatti molta energia. A sinistra nulla, intendo il punto indicato dalla freccia, a destra invece un bel bagliore, molto forte. Un fenomeno simile nell'infrarosso, ma molto meno marcato (due quadrati in basso) 

E' successo che una stellina un po' ingenua è andata a vedere troppo da vicino un buco nero supermassiccio, di massa eguale a miliardi di volte quella del Sole.  L'attrazione gravitazionale l'ha polverizzata in un attimo, attraendola entro il cerchio fatale del buco nero da cui non esce alcuna informazione. 

Cose che capitano e si conoscono, ma stavolta si sa nome e cognome della stella, ed è la prima volta che si riesce ad identificare. E' una stella ricca di gas elio e si trova nella galassia che contiene anche il buco nero, ovviamente, a 2,7  miliardi di anni luce di distanza. Determinante per questa identificazione l'apporto del telescopi terrestre Pan-STARRS1  sulla vetta di Haleakala, alle Hawai . Ecco qui sotto una simulazione al computer che si reputa molto precisa e realistica grazie ai dati ottenuti con satellite e telescopio. Una piuma di struzzo cosmica che si spiega nello spazio

video

mercoledì 2 maggio 2012

Un collana di perle di ... polvere



Appena a Nord della famosa cintura di Orione, la costellazione che ci accompagna per tutto l'inverno, troviamo la nebulosa, a riflessione, M 78.  E' nota e studiata da anni, ma con nuovi strumenti rivela nuovi particolari importanti per la ricerca e al tempo stesso stupendi da vedere. Ecco, nelle frequenze  delle onde infrarosse sub millimetriche, che appare la polvere cosmica che circonda la nebulosa, si intreccia con il gas e forma quasi una collana, un filo di perle "cosmiche". (consiglio di ingrandire per apprezzare appieno) 

L'immagine è presa con il telescopio  APEX (Atacama Pathfinder Experiment) sulle Ande cilene,  che osserva l'universo nel cosiddetto infrarosso lontano, tanto che utilizza non uno specchio ma una parabola per microonde, più adatta a quelle frequenze. 

Osservando il gas in queste nubi si rivelano flussi di gas ad alta velocità che fuoriescono da alcuni di questi grumi densi, espulsi da stelle giovani durante la loro formazione a partire dalle nubi circostanti, i che ci ice che i nodi  di polvere stanno attivamente formando stelle.

Nella parte superiore dell'immagine si vede un'altra nebulosa a riflessione, NGC 2071. Mentre la zona più in basso contiene solo stelle giovani e di piccola massa, NGC 2071 contiene una stella giovane più massiccia, circa cinque volte la massa del Sole, nel punto più brillante mostrato dalle osservazioni APEX.

Ed ora un bel viaggio a volo d'uccello accompagnati da una bella musica..


video

Mentre questo qui sotto ci permette di capire dove si trova in cielo la Nebulosa 

video

APEX è una collaborazione tra il Max Planck Institute for Radio Astronomy (MPIfR), l'Onsala Space Observatory (OSO) e l'ESO. La gestione di APEX a Chajnantor è affidata all'ESO. APEX è un precursore del telescopio di nuova generazione per onde submillimetriche, ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array), in costruzione ma già operativo sullo stesso pianoro.